Forcella Dignas, 2100 m

Escursione discreta, semplice e abbastanza panoramica. La salita si svolge interamente per una strada militare fino al valico della Forcella Dignas, al confine tra Italia ed Austria. Negli ultimi tornanti sotto la forcella c’è un moderato pericolo di valanghe (vecchie tracce).

gruppo Val VisdendedifficoltàEdislivello815 mtquota max2.100tempo2h e 30' la salitaappoggioCasera Campobondata30/01/11

Salita dalla Val Visdende

Dalla Val Visdende prendiamo la strada innevata verso l’Agriturismo Pra Marino e sorpassiamo la Locanda Alpina. Dopo uno spiazzo con tronchi, presso una strada con sbarra che stacca a sx, parcheggiamo (con una buona automobile si può salire fino al Bivio Ciadon).
Saliamo a piedi per l’elementare strada spazzata, fino al Bivio Ciadon (30′, evidenti segnalazioni). Seguiamo a destra per la casera Dignas, che raggiungiamo nella sua radura solare. Circa 1h15′
Seguiamo ancora la strada, che ora sarebbe una vecchia rotabile militare, eventualmente sfruttando alcune scorciatoie. Al bivio per il “sentiero delle malghe” continuiamo a sx (indicaz. per la forcella). Con molti e larghi tornanti arriviamo poco sotto al valico. Preferiamo imboccare un valloncello che ci porta più direttamente e con minori pericoli fino ad una costruzione abbandonata, dove ci si può riparare dal vento. Ancora pochi metri e si giunge sul cocuzzolo più alto della larga forcella Dignas. Verso nord appaiono le pralpi austriache con il paese di Obertilliach.

Tempo – 2h30′-3h

Discesa

Seguiamo il sentiero dell’andata fino al bivio per il sentiero delle malghe. Prendiamo questo, anche più battuto della strada che va alla forcella, e con un lungo tratto in salita di pendenza costante arriviamo alla casera Campobon, in magnifica posizione. Appaiono le Torri del Longerin e la vista è forse migliore di quella della Forcella Dignas. Tempo – 30′ dal bivio
Per scendere più rapidamente sfruttiamo il pendio con radi alberi poco più a nord. Seguendo delle tracce di scialpinisti troviamo un buon percorso che ci porta fino al torrente a due passi dalla casera Dignas (l’ultimo tratto nel bosco è ripido)
Per il sentiero dell’andata fino alla macchina.


Varianti

Pensavamo che dalla forcella si potesse salire sulle elevazioni che la delimitano, invece non c’era un percorso praticabile.
Se avete intenzione di fare un giro nella zona, vi sconsiglierei la forcella. Ci sono sicuramente percorsi più meritevoli