Medveja è una piccolo paese costiero che sorge ai piedi del Monte Ucka, nella riviera di Opatija. Come tutti gli altri luoghi che sorgono nei dintorni della splendida città omonima (Abbazia in italiano) è caratterizzato da una massiccia presenza di turisti, che popolano le sue spiagge di ciottoli in estate, mentre invece in inverno appare quasi desertico. Non è la prima volta che ci addentriamo in location di questo tipo, mitiche e silenziose, in cui l'andare per falesie si trasforma dalla routine dell'allenamento in una piccola personale scoperta.Ad avvalorare questo piacere contribuisce senza dubbio il percorso d'accesso alla falesia, che si snoda per un sentiero punteggiato dalle caratteristiche grigie rocce croate ed in discesa, da quella che pare la sommità di un colle, sino ad un anfiteatro di pareti nascoste che puntano dritte il loro sguardo sul mare.

Sino a qualche anno fa poco o nulla si sapeva di questo gioiello. Merito di Andrea ed Enrico Polo che hanno dedicato molto della loro abilità, non solo alle vie più difficili di Medveja ma chiodando in numerosi altri spazi di arrampicata in Istria, un contributo di grande valore per questi luoghi fuori moda.Merita anche solo uno sguardo l'impressionante parete del settore Knezgrad, ove al centro sfreccia The Core, la via liberata da Klemen Becan (che proponeva il grado 9a), ripetuta per la prima volta da Andrea Polo (che l'ha gradata 8c+) nel 2013 e successivamente anche da Adam Ondra nel marzo 2016. Particolarmente adatta alle soleggiate giornate invernali, la falesia di Medveja si compone di quattro settori, con prevalenza di monotiri su pareti strapiombanti, di forza e resistenza.Il primo settore che si incontra scendendo, Stribog, è il più adeguato al riscaldamento, una parete grigia alta venti metri con vie più tecniche, prevalentemente verticali o leggermente strapiombanti. Qui abbiamo percorso alcuni itinerari molto belli: Mustafa Zlatni (6a+), Molly Bloom (6c) e Bleach (6c+).Successivamente si può procedere raggiungendo direttamente il settore big, Knezgrad, oppure scendere tramite un delicato sentiero attrezzato con corde verso i settori Mali e Veli Jože.Il settore Knezgrad, decisamente impegnativo, presenta un' arrampicata che si svolge su un paretone giallo-grigio a canne, molto strapiombante, sulla quale per potersi divertire è necessario possedere un grado minimo di 7b. Noi abbiamo percorso solo la via più facile, all'estrema destra degli itinerari importanti: Analmario (7a).Molto belli e meritevoli anche i settori sottostanti, Mali e Veli Jože, in cui abbiamo affrontato Gorky Park (6b) e Pirati s Marsa (6c). il settore Mali presenta alcuni strapiombi su una roccia molto gialla a tacche, mentre nel Veli ritroviamo la tipica arrampicata su canne grigie.

Nonostante la pulizia delle vie e l'ottima attrezzatura, segni e garanzie di una palestra frequentata, non vi abbiamo trovato anima alcuna, potendo così permetterci di godere le sue rocce in tutta tranquillità.Medveja rimane sicuramente una palestra d'élite, che ha detta dei locals rappresenta oggi uno dei luoghi con la maggior concentrazione di itinerari difficili in tutta la regione istriana; si pensi che nel solo settore Knezgrad sono 25 le vie di grado compreso tra il 7b ed il 9a e di lunghezza compresa tra i 20 ed i 30 metri.Consigliamo comunque una visita in questa falesia a cinque stelle, non solo per la bellezza dell'arrampicata ma anche per l'impareggiabile panorama sul mare che si può assaporare da tutti i settori. Facilmente combinabili con una visita a Medveja sono le suggestive pareti di Brseč, distanti pochi km da Medveja, in cui noi abbiamo percorso alcune vie a più tiri (vedi link sotto), ove si trova anche una palestra con monotiri di recente realizzazione.In alternativa, arrivando dall'Italia, meritevoli sono le frequentate palestre di Kompanj e del Canyon di Buzet (vedi link sotto).

Per info più specifiche su Medveja consultate il sito web climbistria.com Per le info tecniche su tutti siti di arrampicata sportiva nei dintorni e non, rimandiamo alle belle guide: Boris ČujićCroatia - Penjački vodič • Kletterführer • Climbing guide • Guida d’ arrampicataed. Astroida, 2014 Luciano Frezzolini - Erik Švab - Janez Skok - Doriano Perhat - Danilo Cedilnik DenArrampicare Senza Frontiere - Trieste, Litorale Sloveno, Istriaed. Sidarta, 2014 AA.VV.Istria and the coastal part of Kvarner2017

Articoli correlati

arrampicare in Istria

La regione istriana, il mare ed il sole d'inverno, le sue belle pareti calcaree, come l'immensa gentilezza e la semplice disponibilità del suo popolo non smettono di attirarci e di infonderci quella sana iniezione di…

Leggere di più

la magia di Vela Draga

Vela Draga pare un luogo magico, in cui ogni sogno può prendere forma, nel mentre contempliamo le sue guglie rocciose, che sembrano personaggi sul palcoscenico di un ampio teatro all'aperto. 

Leggere di più

Brseč

Quelle pareti a picco sul mare Reduci da poche settimane dalla splendida esperienza sulle rocce di Dvigrad e Limski Kanal viaggiamo verso la costa orientale dell'Istria, destinazione: Brseč, un piccolo e caratteristico…

Leggere di più