Mulàz, via dei Tedeschi

La diretta dei Tedeschi al Mulàz sfrutta una logica serie di fessure e lame a destra del blasonato Pilastro Grigio, ove si trova un’arrampicata atletica, sostenuta ed abbastanza impegnativa. Aperta da Ludwing Bottcher ed Eugen Rockl nell'agosto del 1923, ben 33 anni prima del noto itinerario salito…

Mulàz, Pilastro Grigio

Arrampicata classica molto bella, fra le più frequentate dell'intero versante nord delle Pale di San Martino, aperta da Mathias Mayr e Martl Koch, il 5 agosto 1956. Ripresa in anni relativamente recenti in alcune pubblicazioni, è divenuta sempre più celebre ed ambita e costituisce un'ottima scelta…

Sass Maòr, via Scalet-Biasin

Arrampicata stupenda su una delle pareti più belle delle Dolomiti, che ha rappresentato la prima risoluzione del problema di una diretta sulla parete Sud-Est del Sass Maòr, ben trent'anni dopo dopo le classiche aperte dalle cordate Solleder-Kummer (1926) e Castiglioni-Detassis (1934). La via venne…

Cima della Madonna, via Messner

Bella arrampicata, aperta dai giovanissimi fratelli Reinhold e Siegfried Messner nell'ottobre del 1965. La salita si svolge sulla fredda parete nord della Cima della Madonna che, vista da lontano pare una liscia lavagna verticale, tanto da far pensare a ben altro ingaggio. In realtà si tratta di…

Torre Gialla, via Soldà

Cima Canali, parete Nord-Ovest. Stupendamente incorniciata nel circo dell'alta Val Pradidali e collocata in quel castello tormentato di guglie che è la Cima Canali, la Torre Gialla spicca slanciata con guizzo elegante. Gialla è, a dir il vero la parete rivolta verso il canale su cui passa la via…

Cima Wilma, via Solleder-Kummer

La Cima Wilma fa parte del classico paesaggio intorno al Rifugio Pradidali, con la sua parete ovest ricca di itinerari su buona roccia. La nostra scelta ricade sulla via di Solleder e Kummer (apritori anche di una nota e meravigliosa linea sul Sass Maor), perfezionata da una variante diretta…

Cima dei Lastei, via Perla Nera

Non si può parlare di questa via senza ricordarne la bellezza della roccia, un regalo della natura agli arrampicatori che desiderano scalare in piena libertà. La conformazione è quella molto lavorata che di frequente si trova nelle Pale di San Martino, con la presenza di numerose clessidre e belle…

Punta Centovie, via Clessidromania

Breve e facile via, divenuta una classica per quanti intendano passare un paio di giorni nel circo arrampicatorio del Vallon delle Lede. Diciamo ripetuta, visto che nella stessa giornata abbiamo incontrato altre 2 cordate. La Punta Centovie, in sé, non ha grande eleganza. Di certo molto più…

Sass d’Ortiga, via delle Guide

Dopo la Timillero-Cappellari, ritorno alla parete nord per un'altra via del Ghigno, aperta nel '74 con i Depaoli. I commenti nelle guide di Scalet e di De Franceschi promettevano bene, descrivendola come una bellissima via. In realtà devo dire che "c'è di meglio", ad esempio l'altra via Timillero…

Cima Canali, via Heidi

Di fianco alla logicissima ed estetica via Buhl, Diego Dalla Rosa e Marco Simoni nel 1978 hanno saputo trovare una linea in pura arrampicata libera che affronta direttamente il problema della parete del Pilastro. L'arrampicata è bellissima, per esili fessure ed in parete aperta, spesso anche per…

Campanile Pradidali, Spigolo del Vecchio

Classica arrampicata di media difficoltà, su roccia solida e con tiri divertenti, mai noiosa. Raccomandabile. Aperta da G.Del Vecchio e A. Gardellin nel luglio 1947.

Sass Maòr, Solleder-Kummer

Grandiosa via classica, dove i primi salitori hanno saputo con abilità individuare un percorso difficile ma non estremo attraversando l'imponente parete Sud-Est del Sass Maòr. La parete verrebbe vinta integralmente abbinando la variante Bettega (1000m c.a.) ma una recente frana ne sconsiglia la…

Cima della Madonna, Spigolo del Velo

Una delle vie più famose e celebrate delle Dolomiti e delle Pale di San Martino, aperta da Gunther Langes ed Erwin Merlet nel…

Campanile d’Ostio, Spigolo ovest

Via aperta dai noti Ettore Castiglioni e Bruno Detassis il 12 luglio 1934. Ad oggi versa in uno stato di semi-classica: le soste sono attrezzate e la roccia abbastanza ripulita. Dal libro di vetta si evince che le visite non avvengono tutti gli anni, ma nel 2014 si contano 3 salite inclusa la…

Sass d’Ortiga, Cappellari-Timillero

Bella arrampicata, in uno degli angoli più selvaggi della frequentata Val Canali. Rispetto al classico spigolo ed alla Scalet-Bettega la parete è di certo più "severa", visto che il sole arriva solo al tramonto e spesso la parete è solcata da larghe colate d'acqua (andate in periodi asciutti).…

Pala del Rifugio, Castiglioni-Detassis

Via divertente su ottima roccia. Anche se lo sviluppo è considerevole, le difficoltà limitate permettono di salire in tempi relativamente contenuti. Diverse le possibilità di proteggersi e di attrezzare soste su formazioni naturali. La roccia è leggermente consumata in alcuni tratti, quindi presumo…

Pala del Rifugio, Esposito-Mauri-Galli

Bella via divertente, su ottima roccia clessidrata. Per raggiungere l'attacco è consigliabile salire alla forcella tra Pala e Dente del Rifugio per una delle vie del Dente. Se si segue la via normale bastano due lunghezze. Dopo un intervento di "manutenzione" effettuato dal soccorso alpino sono…

Pala di San Martino, Gran Pilastro

Classica ascensione nel gruppo delle Pale, la troviamo frequentata anche durante la settimana. Una via comunque non banale in quanto, seppur le difficoltà tecniche non siano elevate, si deve far il conto con un dislivello ed uno sviluppo non trascurabili (600m e 750m circa). A fine giornata la…

Pala del Rifugio, via Frisch-Corradini

Bella via classica. Caratteristiche principali sono la lunghezza (700m!), l'ottima qualità della roccia, l'ambiente unico e le difficoltà medie con qualche tratto più interessante. La leggera usura degli appigli fa pensare ad un alta frequentazione, noi però non abbiamo trovato nessuno. Gli ultimi…

Dente del Rifugio, via Massarotto

Breve ma bella via con comodo accesso e poche ripetizioni. Si sviluppa tra la Fessura Franceschini e la via Cai Cittadella rimanendo per tre tiri in placca. Roccia ottima e diverse clessidre per proteggersi. Pochi chiodi (3 propriamente della via Massarotto) Primi salitori: L. Massarotto, L. Roman,…

Sass d’Ortiga, Scalet-Bettega

Bella via che supera centralmente la parete del Sass d'Ortiga. Rispetto al famoso spigolo non dovrebbe esserci mai nessuno, comunque noi a ferragosto abbiamo trovato 2 cordate. Le difficoltà si concentrano in un unico caratteristico tiro di V+ sostenuto in fessura-diedro. Il tiro è comunque…

Cima Canali, Fessura Buhl

Bellissima via che sale dritta una marcata fessura sul versante rivolto al Rifugio Pradidali (W). La via è la più frequentata della zona. Aperta da H. Buhl ed R. Herweg il 15 luglio 1950. Data la lunghezza del percorso e dell'avvicinamento consiglio il pernottamento in rifugio. Roccia delle…